giovedì 6 dicembre 2012

PESCA ALLA TROTA IN TORRENTE


ANDREINI BENITO detto “BEBI”


DA OLTRE 40 ANNI PESCATORE DI TROTE IN TORRENTE 

nato nel 1941 ha fatto il barbiere fino a qualche giorno fa e nella sua vita la sua più grande passione è la pesca sportiva, appassionandosi nella pesca alla trota in torrente, nella sua bottega si parlava esclusivamente di pesca e tutto il suo locale era tappezzato di foto e quadri con  trote, rigorosamente catturate da lui ! 





Da oltre 40 anni gira i fiumi fossi e rii della Romagna, Marche, Umbria e Toscana. Ha avuto la fortuna di conoscere Franco Bruno, per gli amici “il Maresciallo” che l’ha portato ad amare la trota, dandogli tutte le dritte per  pescare in torrente.





Tutte le sue uscite di pesca sono annotate nella sua agenda personale, custodia di mille segreti e giornate di pesca, mai fatta vedere ne scrutare fino ad oggi  da nessuno !  Annotando più di 3000 catture oltre i 22 cm. ad oggi !


In un primo momento chiuso con i suoi ricordi e segreti, ma poi contento di poter raccontare delle sue pescate, nel video che inseriamo sotto, notiamo l'amore che ha per la pesca e la felicità di poter raccontare quanto ha dentro per condividerlo con altri !


La sua prima trota di una certa grandezza,  ricordo che non si dimenticherà mai , fu catturata in Provincia di Arezzo e pesava 900 gr. nel  1974, per farla vedere al suo amico, smise di pescare dalla contentezza !






Secondo lui la luna non influisce sulla pesca alla trota, importante sono le condizioni giuste, colore dell’acqua clima , temperature ,giornate nuvolose e  che non tiri tanto vento.





In una giornata è capace di fare centinaia di kilometri per cercare le sue catture, la più grande è stata nel fiume Esino pesava kg. 2,220 nel 2009




Oltre che pescatore è sempre stato un controllore sui fiumi, segnalando cose illecite  e abusi, con telefonate e denunce, per un periodo è stato pure guardia pesca volontario.





Negli ultimi 20 anni ha iniziato a fotografare le sue catture ci tiene a precisare che tutto il suo pescato è andato a finire in tavola, in famiglia o con amici.




Scrupoloso nella preparazione e scelta della sua attrezzatura ,  amante di determinate canne, le quali non devono superare i 3,50 mt., devono avere un’azione particolare e montate RIGOROSAMENTE con un mulinello Crack Contact 400 !




La sua tecnica di pesca si svolge a risalire il fiume , lanciando a monte e usando rigorosamente la spirale ( filo di piombo avvolto sul filo) che cambia a secondo della corrente, filo di un diametro di 0,30 mm. E ami del n° 2 ma oltre all’attrezzatura la particolarità di “BEBI” è saper leggere il fiume e immaginare dov’è la trota.


Pescatore spesso solitario, alcune delle sue pescate sono state divise con amici speciali e con loro nasceva sempre una sfida, guai a prendere meno trote !


Amante della trota , ma soprattutto della buona cucina, tutte le sue giornate di pesca vanno a finire dalla “NENA” da 40 anni ! Famosa osteria sotto il paese di Scheggia ! Può essere a 100 km. ma smette di pescare a va a mangiare dalla NENA !


 Nella bassa Romagna tutti lo conoscono e in tanti devono ringraziarlo per aver imparato tante cose sulla pesca alla trota in torrente, ora che non fa più il barbiere le sue foto e quadri sono e sposti in negozi di pesca della zona, ma nonostante l’età e qualche piccolo problema di salute lui non molla ! E’ sempre in prima linea  e in cerca di nuovi posti !


 In questo post abbiamo cercato di immortalare la grande passione di un grande appassionato di pesca alla trota che a lei ha dato parte della sua vita, il nostro caro “ BEBI”













1 commento:

  1. Da oltre 40 anni gira i fiumi fossi e rii della Romagna, Marche, Umbria e Toscana..................che tristezza e poi ci lamentiamo che nei torrenti non ci sono più trote......spiegategli cosa significa il catch and release.

    Un pescatore amareggiato.

    RispondiElimina